UDU e RETE STUDENTI: “Ero straniero” nelle mobilitazioni del 13 Ottobre

ero-straniero

La campagna “Ero Straniero – L’umanità che fa bene” è stata lanciata da Emma Bonino e dalle altre organizzazioni che, insieme a Radicali Italiani, sono promotrici della legge di iniziativa popolare per superare la legge Bossi–Fini e cambiare le politiche sull’immigrazione puntando su inclusione e lavoro.

Come Rete degli Studenti Medi Veneto e StudentiPer UdU Padova, UdU Venezia e UdU Verona abbiamo partecipato attivamente alla raccolta firme, e ci impegneremo in questo rush finale per portare anche dalle scuole e dalle università il maggior numero di adesioni e contributi al fine di cambiare anche il racconto pubblico sull’immigrazione, ostaggio di pregiudizi, luoghi comuni e vere e proprie bugie che, invece di contrastare, la politica spesso sceglie di cavalcare per guadagnare consenso.

Con L’occasione della presenza di Emma Bonino in quel di Treviso abbiamo pensato di rilanciare questa campagna e rendere le proposte della Legge di Iniziativa Popolare parte integrante della nostra data di mobilitazione del 13 Ottobre.

“Sono mesi che lavoriamo anche all’interno del comitato cittadino per la raccolta firme” Spiega Enrico Mazzo, Coordinatore di Studenti Per UdU Padova, “Con l’inizio del nuovo anno accademico cercheremo di portare quante più adesioni anche da parte degli studenti fuori sede. Da sempre lottiamo per costruire un’Università che sia attiva su temi quali integrazione e accoglienza, questa proposta di legge è sicuramente una fondamenta importante per favorire la creazione di corridoi umanitari”.

“Uniti dallo slogan “Cambiare La scuola per cambiare il Paese” scenderemo in piazza il 13 Ottobre” Annuncia Rachele Scarpa, Coordinatrice Regionale della Rete degli Studenti Medi Veneto, “Vogliamo una scuola aperta, inclusiva, sicura, accessibile a tutti, dove chiunque possa trovare la propria cittadinanza. La piattaforma di “Ero Straniero” farà parte delle nostre rivendicazioni e della nostra lotta nelle piazze delle città della nostra regione. Ci impegneremo ad abbattere le disuguaglianze generate dalla legge Bossi-Fini per riformare il sistema di accoglienza”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *