In Movimento. La nostra Storia dal 1960 a oggi

1p quartino-21x29,7-OR-Front-02 Venerdì 12 gennaio, alle 17:30, inaugura al Centro Culturale Altinate San Gaetano la mostra “In Movimento. La nostra Storia dal 1960 ad oggi“, dedicata alla storia del movimento studentesco. La mostra sarà visitabile gratuitamente fino all’11 febbraio, negli orari di apertura del Centro. L’esposizione itinerante è partita da Roma lo scorso ottobre ed è stata ospitata a Pisa fra novembre e dicembre. È stata realizzata grazie a un bando del MIUR, vinto dalla Rete degli Studenti Medi, e con la collaborazione con l’Unione degli UniversitariSPI CGILEd Work e Stefano Poggi (European University Institute). L’edizione padovana, inoltre, è realizzata in collaborazione con l’Ufficio Progetto Giovani del Comune di Padova, il Centro Studi “E. Luccini” e il festival BeComics e la Consulta degli Studenti Medi.

Il progetto

Pannelli che raccontano la storia del movimento, foto e volantini storici, fumetti, ospiti e musica.Una storia lunga 50 anni che non solo continua a influenzare l’attuale società italiana, ma che è ancora il principale motore del cambiamento. Qual è il ruolo degli studenti nelle trasformazioni sociali? Quale è stato e quale sarà? Come e con quali alleati? Queste le domande che guidano la mostra, senza dimenticare le pagine più nere dellarecente storia italiana. Attraverso i pannelli realizzati da Stefano Poggi e un’app dedicata, la mostra vuole dare una visione d’insieme del movimento studentesco, delle mobilitazioni, delle conquiste civili, dei principali avvenimenti storico-politici dell’epoca. Grazie alla collaborazione con il Centro Studi “E. Luccini”, la mostra sarà arricchita da una sezione padovana con riproduzioni di volantini e foto storiche per un approfondimento del movimento in città, insieme alle tavole di Elfo, alias di Giancarlo Ascari. Nel corso del mese di apertura sono previsti momenti di approfondimento culturale con storici, esperti e testimoni dell’epoca, nonché appuntamenti rivolti alle scuole superiori di secondo grado della città.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *